Mifur, il Salone Internazionale della Pellicceria e della Pelle, inaugura il prossimo 3 marzo 2015 nei padiglioni 16 e 20 di Fiera Milano Rho, e festeggia la sua ventesima edizione. 180 espositori, 95 italiani e 78 stranieri, 14 stampe tecniche, quattro aree tematiche: B.box, Crossover, Glam Av. e K.Point.

B.box – Il mondo dei capi in pelle, dei tessuti tecnici con bordura e dei piumini: la pelliccia viene re-inventata e mescolata con altri materiali, per un prêt-à-porter giovane e sofisticato.

Crossover – Massima attenzione alla qualità, alla cura del dettaglio e al rispetto delle tradizioni: questi i segreti delle più grandi aziende di pellicceria e delle loro nuove collezioni.

Glam Av. – Le aziende iscritte alla Camera della Moda, la ricerca, i nuovi stili e il mood dell’autunno/inverno 2015/2016.

K.Point – Il punto chiave del salone da cui tutto ha inizio: le pelli, gli accessori, i bottoni, i modelli, i macchinari e le tecniche di lavorazione delle concerie.
“Il nostro settore sempre più va nella direzione dell’eccellenza del prodotto e sono perciò certo che presto potranno presentarsi scenari e opportunità in nuove aree di mercato dove sappiamo essere forte la richiesta di un prodotto alto di gamma. Indipendentemente dall’attuale crisi che stanno vivendo, i mercati di Russia e in generale ex Unione Sovietica rappresentano ancora il bacino di riferimento per la pellicceria e siamo obiettivi, all’apertura di questa edizione, aspettandoci una flessione generale determinata da questa situazione contingente; allo stesso tempo però attendiamo anche di vedere cosa accadrà con i compratori per esempio del Far East che, Corea e la stessa Cina in testa, si stanno dimostrando molto ricettivi alla nostra offerta; come Mifur cercheremo di sostenere i nostri espositori anche oltre il Salone, attraverso programmi di promozione finalizzata” commenta Norberto Albertalli, Presidente Mifur.